19 dicembre 2018
Home / Alimentazione bio / Bio e bio

Bio e bio

carrello-spesa-bio

Negli ultimi mesi ho assistito ad un visibile incremento dei prodotti biologici presso i supermercati tradizionali. Come mai? Perchè adesso ci ritroviamo che anche le private label (ovvero i grandi distributori come Carrefour, Conad, ecc) hanno una loro linea bio?

Forse perchè si sta tentando di rispondere ad una sempre più crescente domanda della popolazione ( nel primo semestre 2016 si è registrato un incremento dei consumi dei prodotti biologici del 21% rispetto allo scorso anno. Fonte: Report, puntata del 10 ottobre 2016) posizionando un prodotto biologico a prezzi più alti di quelli “non bio” ma più bassi di quelli applicati dalle altre marche bio (anche non private label). Si sta quindi cercando di recuperare quelle quote di mercato perse (consumatori interessati al bio che vanno ad approvvigionarsi presso negozi specializzati).

Ma la vera domanda è la seguente: se tutti possono ottenere facilmente la certificazione bio (lo dimostrano ormai il numero di ingressi di numerose marche nei supermercati tradizionali), significa che ci sono altrettanti stabilimenti/terreni abilitati a produrre delle linee biologiche; e dove sono dislocati? Sono tutti italiani? E se non sono italiani, come funziona la certificazione in questo caso? Significa che tra qualche anno la produzione bio supererò quella tradizionale? Quindi quanto di questo bio certificato è realmente bio?

Tutte domande che non fanno altro che alimentare i dubbi sul sistema delle certificazioni biologiche.

 

About culturabio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *